WP3 - Metodologie per il miglioramento sismico

La terza sezione del progetto Sismi è dedicata ai temi del Miglioramento sismico. La stima della vulnerabilità finalizzata alla programmazione di interventi di riduzione del rischio è un’operazione molto complessa e difficilmente generalizzabile, ed ha ricadute evidenti sulla scelta degli interventi di mitigazione.

Più che un prontuario meccanico di soluzioni che, come purtroppo è avvenuto in passato, rischiano di determinare una grave compromissione del bene con interventi invasivi (a volte senza comunque evitare la perdita del bene stesso) è necessario fornire strumenti adeguati per guidare le amministrazioni e i tecnici nel processo di valutazione del rischio sismico e nella definizione delle ipotesi di intervento.

Attraverso casi campione, su cui sono stati effettuati rilievi diretti approfonditi, i temi della valutazione di vulnerabilità e dei criteri operativi di intervento sono stati oggetto di una disamina tecnica che si costituisce come un supporto per guidare “le decisioni da prendere”.

Illustrare il percorso conoscitivo e progettuale che dalla stima della vulnerabilità conduce alla scelta dell’intervento di mitigazione appare infatti un’operazione decisiva ai fini di più consapevoli valutazioni dei rapport costi-benefici. L’obiettivo è di mostrare l’articolazione dei diversi livelli di approfondimento, tra loro interdipendenti, che sono necessari per arrivare a scelte di intervento consapevoli.

Il lavoro di ricerca è stato condotto a differenti scale, da quella urbana a quella dell’aggregato edilizio e dei singoli edifici storici, fino ai singoli “oggetti” artistici presenti all’interno degli edifici:

a. Territori e centri urbani – messa a punto di una metodologia per la definizione degli interventi alla scala territoriale e urbana, a partire da una valutazione complessiva della vulnerabilità del territorio, da intendersi non come la sommatoria delle vulnerabilità delle singole opere d’arte, ma come l’interazione tra le varie componenti, inclusa la rete viaria, la cui interruzione può gravemente compromettere le fasi di esodo e soccorso durante e dopo un’emergenza.

b. Aggregati e singoli edifici – messa a punto di strumenti e criteri a supporto delle amministrazioni per la scelta del tipo di analisi della vulnerabilità da condurre e degli interventi di mitigazione da eseguire, tenendo conto dei tempi e delle risorse a disposizione e con l’intento di scongiurare interventi invasivi e generalizzati.

c. Oggetti contenuti negli edifici – messa a punto, sulla base di una concreta sperimentazione, di metodologie specificamente dedicate alla protezione degli oggetti d’arte e degli arredi all’interno degli edifici, considerando tutti gli aspetti connessi all’esposizione permanente o temporanea degli stessi, comprendenti anche le modalità di fruizione, la movimentazione e il trasporto.

Prodotti di ricerca WP3
  • Metodologia di valutazione delle prestazioni sismiche della rete viaria e linee guida per la realizzazione di percorsi sicuri
  • Modelli di analisi strutturale per valutare vulnerabilità e opportunità di intervento differenziali rispetto alle risorse economiche, temporali, umane e strumentali disponibili
  • Metodologia per l’individuazione di criteri operativi di intervento semplici, economici e replicabili per la riduzione della vulnerabilità sismica degli aggregati edilizi storici
  • Dispositivi antisismici per la tutela delle opere d’arte contenute negli edifici e il loro trasporto
     
Gruppo di ricerca WP3

Responsabile: Franco Bontempi, Gianmarco de Felice

Metodologia per la definizione degli interventi alla scala territoriale e urbana
Responsabile: Luigi Sorrentino
Gruppo di ricerca: Silvia Perobelli, Alessandra Marotta

Metodologia per la definizione degli interventi a livello di aggregato edilizio e del singolo edificio
Responsabile: Maura Imbimbo, Daniela Addessi, Marialaura Malena
Gruppo di ricerca: Marco Canciani, Valentina Cima, Cristina Gatta, Francesca Gobbin, Ernesto Grande, Assunta Pelliccio, Marco Saccucci, Marialuigia Sangirardi

Metodologia e criteri di intervento a livello di aggregato edilizio
Responsabile: Gianmarco de Felice
Gruppo di ricerca: Marialuigia Sangirardi, Francesca Gobbin

Metodologia e criteri di intervento alla scala di oggetti in musei, luoghi di culto, edifici strategici
Responsabile: Gerardo De Canio
Gruppo di ricerca: Ivan Roselli, Vincenzo Fioriti, Sara Forliti, Angelo Tatì