Nuove attività presso la Stazione Sperimentale INM sul lago di Nemi

27 Gennaio 2021

Nell'ambito del progetto E-RIHS dell' CNR- INM (Istituto di Ingegneria del Mare, Dott Salvatore Mauro), che dispone di una stazione sperimentale sulle rive del lago di Nemi, è stato avviato il sottoprogetto BRUNO (low BackgRound Underwater NOise facility). Questo progetto  prevede l'esecuzione di un survey multisensore dell'intero bacino lacustre e l'installazione di una rete di modem acustici sul fondo del lago per creare una rete di trasmissione dati bidirezionale subacquea).

Il survey verrà realizzato avvalendosi di innovative tecniche di indagine e strumentazioni professionali ad elevate prestazioni che permetteranno di ottenere non solo il 3D georeferenziato dell'intero bacino lacustre, ma di "leggere" anche per alcuni metri all'interno dello spesso strato di fango presente sul fondale del lago e permettere di mappare la consistenza dei manufatti che vi sono ancora conservati all'interno. Tra i vari ritrovamenti archeologici che nel corso dei secoli hanno visto la luce nel territorio del lago di Nemi quello che forse ha avuto più eco globale è stato la scoperta, il ritrovamento e il recupero dalle acque del lago delle due navi di Caligola.

I ricercatori dell'INM hanno lavorato in stretta collaborazione con il MIBACT - Direzione Generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio e, in particolare, con la Sovrintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell'Area Metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l'Etruria Meridionale .
Le attività operative di survey del bacino lacustre saranno eseguite non prima nel prossimo autunno.