La conservazione digitale

TIPOLOGIA DI CORSO:

CAF - Corso di Alta Formazione

LIVELLO DEL DIPLOMA:

II

CFU:

20

ANNO ACCADEMICO:

2020/2021

DATA INIZIO:

ancora da definire

DATA FINE:

ancora da definire

MODALITà DI EROGAZIONE:

mista

ORARIO DI SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITà DI FORMAZIONE:

Venerdì h. 15-19, Sabato h. 9-13 (per circa tre mesi)

DESCRIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO:

Modulo 1: Concetti, principi, strategie (30 ore lezione) Il modulo presenta le nozioni fondamentali necessarie per affrontare il tema della conservazione digitale. In particolare, sono analizzati i concetti fondamentali relativi sia all'ambito più strettamente tecnico (come ad esempio la codifica, il formato e i supporti) sia alla dimensione più teorica (come ad esempio l'oggetto digitale, l'autenticità e l'affidabilità). Il modulo illustra i principi che sovrintendono alla corretta conservazione in ambiente digitale e le criticità che inficiano i processi conservativi, e presenta le diverse strategie attraverso le quali affrontare tali criticità, facendo nuovamente riferimento sia all'ambito più strettamente tecnico (ad esempio firme e sigilli elettronici, blockchain, cloud computing) sia all'ambito teorico-metodologico (ad esempio, gestione del rischio e sostenibilità della conservazione).

Modulo2: Formati (30 ore lezione + 25 ore laboratorio) Il modulo illustra i formati di codifica più diffusi per l'archiviazione di un file digitale, con particolare attenzione al linguaggio XML (in virtù del suo ruolo fondamentale in ambiente digitale) e ai formati più adeguati per la conservazione a lungo termine. Inoltre, la trattazione di alcuni specifici formati consente di focalizzare l'attenzione su due tipologie particolari di oggetti digitali, i siti web e le basi di dati, per i quali saranno presentati fattori critici, metodi e strumenti per la conservazione. • Laboratorio 1: Elaborazione di un modello formale (DTD o Schema) di oggetti testuali (10 ore) • Laboratorio 2: Utilizzo di applicazioni per la conservazione di basi di dati e siti web (con analisi dei formati SIARD e WARC) (15 ore)

Modulo 3: Metadati (15 ore lezione + 10 ore laboratorio) Il modulo presenta i concetti fondamentali relativi ai metadati e alcuni insiemi di metadati di rilievo nel mondo dell'Information Science. Di seguito, illustra in dettaglio lo standard PREMIS, specificamente dedicato ai metadati per la conservazione digitale. • Laboratorio 3: Elaborazione di file PREMIS-compliant, cioè coerenti con la struttura dati di PREMIS (10 ore)

Modulo 4: Modello di riferimento (30 ore lezione + 15 ore laboratorio) Il modulo è interamente dedicato allo standard OAIS (ISO 14721), in quanto modello di riferimento condiviso a livello mondiale per la conservazione digitale, e all'insieme di altri standard e documenti a supporto e integrazione di tale modello. In particolare, all'analisi puntuale del modello OAIS segue la presentazione di ISO 16363 (per la certificazione di depositi digitali affidabili), PAIS (per le specifiche tecniche dello scambio dati fra produttore e conservatore), PAIMAS (per la descrizione dei metodi d'interazione fra produttore e conservatore), E-ARK e altre iniziative e documenti fondati sul modello OAIS. • Laboratorio 4: Applicazione dello standard ISO 16363 ad un caso di studio (15 ore)

Modulo 5: Quadro normativo (20 ore lezione + 5 ore laboratorio) Il modulo affronta il profilo normativo della conservazione digitale, presentando la norme di riferimento in materia. In particolare, il modulo analizza gli aspetti di rilievo del CAD (Codice dell'amministrazione digitale) e delle relative Regole tecniche sulla conservazione; inoltre, approfondisce le disposizioni fondamentali per i conservatori accreditati, inclusi lo standard UNI SINCRO e le modalità di accreditamento e di verifica dei requisiti dei conservatori accreditati. Il modulo presenta anche in maniera sommaria il GDPR e il suo impatto sulla conservazione digitale. Infine, un breve spazio è dedicato alla presentazione del quadro normativo europeo in materia di conservazione digitale. • Laboratorio 5: Elaborazione e studio di file SInCRO, cioè compatibili con lo standard UNI SInCRO (5 ore)

Tesi finale (60 ore) Lavoro individuale o di gruppo (max 3 studenti) condotto sotto la supervisione di un tutor su uno degli argomenti del corso.

Totale ore didattica 125 ore lezione 55 ore laboratorio 60 ore supervisione tesi

OBIETTIVO DEL CORSO:

Il corso intende fornire conoscenze teorico-pratiche volte ad acquisire o perfezionare abilità specifiche legate all'ambito della gestione e conservazione delle risorse digitali. In particolare, si propone di fornire principi, metodi e strumenti per la conservazione dei documenti in ambiente digitale nel rispetto degli standard vigenti. Si forniscono conoscenze puntuali per affrontare attività di progettazione dei sistemi di conservazione e interventi di audit e verifica in uno dei settori di maggior sviluppo nel campo dei patrimoni culturali digitali, destinati alla tenuta e all'accesso a lungo termine. I laboratori sono finalizzati a dotare i partecipanti di competenze tecniche operative, inclusa l'acquisizione di linguaggi specifici per l'interoperabilità dei contenuti destinati alla conservazione.

I PRINCIPALI ARGOMENTI OGGETTO DEL CORSO:

  • Concetti, principi e strategie della conservazione digitale (codifica, formati, supporti, autenticità, affidabilità, firme e sigilli elettronici, blockchain, cloud computing, gestione del rischio, sostenibilità della conservazione).
  • Il linguaggio XML.
  • Formati per la conservazione digitale (focus su SIARD e WARC).
  • Metadati per la conservazione digitale (focus su PREMIS).
  • Modello di riferimento per la conservazione digitale (OAIS e standard/iniziative correlate, come PAIS, PAIMAS, EARK).
  • Quadro normativo per la conservazione digitale (focus sul Codice dell'amministrazione digitale e relative Linee guida, GDPR, UNI SInCRO).

OCCUPABILITÀ :

Il corso si rivolge a laureati magistrali negli ambiti delle scienze umane, delle scienze dei beni culturali e delle scienze sociali, interessati ad acquisire competenze nell'ambito della gestione e conservazione dei patrimoni digitali. La gestione e la conservazione dei patrimoni digitali è un compito strategico sia nel contesto della ricerca scientifica sia in quello industriale, produttivo e istituzionale, perché ha un fondamentale impatto scientifico, economico e sociale che si estende anche alla pubblica amministrazione, alle piccole e grandi imprese, e agli enti accademici e di ricerca. Il corso ha pertanto l'obiettivo di fornire ai partecipanti le conoscenze e le competenze necessarie finalizzate alla loro applicazione in contesti lavorativi strategici nel settore dei beni culturali, ma anche in altri ambiti pubblici e privati ove si registri la necessità della gestione e conservazione di dati digitali.

REQUISITI DI AMMISSIONE:

Laurea magistrale nell'ambito delle scienze umane, delle scienze dei beni culturali o delle scienze sociali.

DISCENTI, NUMERO MINIMO ISCRITTI :

10

DIRETTORE/RESPONSABILE:

Giovanni Michetti

DOCENTI:

Giovanni Michetti e altri docenti in corso di definizione

SEDE DI SVOLGIMENTO DEL CORSO:

Sapienza Università di Roma

FACOLTA':

Lettere e Filosofia

CONTATTI:

Prof. Giovanni Michetti

EMAIL:

giovanni.michetti@uniroma1.it

SITO WEB:

in aggiornamento

ALTRE INFORMAZIONI:

Inizio previsto nel 2022