Heritage Building Information Modeling

TIPOLOGIA DI CORSO:

Master

LIVELLO DEL DIPLOMA:

Secondo livello

CFU:

60

ANNO ACCADEMICO:

2020/2021

DATA INIZIO:

12  02  / 2021

DATA FINE:

31  01  / 2022

MODALITà DI EROGAZIONE:

mista

ORARIO DI SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITà DI FORMAZIONE:

dalle 9:00 alle 18:00 il venerdi - dalle 9:00 alle 14:00 il sabato

DESCRIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO:

Percorso formativo in IX Moduli: Modulo I _Introduzione alle tematiche del Master e normativa HBIM e BIM; Modulo II_Rilievo con metodi strumentali (rilievo laser scanner 3D); Modulo III_Rilievo Fotogrammetrico con SAPR (Sistemi Aerei a Pilotaggio Remoto); Modulo IV_Pericolosità sismica locale e prevenzione dal punto di vista strutturale; Modulo V_Definizione del Quadro Conoscitivo (QC), territoriale, urbanistico e storico; Modulo VI_Modulo VI: Progettazione, restauro degli edifici e dei tessuti storici; Modulo VII_Procedura HBIM con uso di applicativi di modellazione parametrica (base); Modulo VIII_Procedura HBIM con uso di applicativi di modellazione parametrica (avanzata); Modulo IX_Procedura HBIM con uso di applicativi di computazione e di facility management.

OBIETTIVO DEL CORSO:

Il Master ha l’obiettivo di formare architetti e ingegneri e nell’ambito del HBIM, la declinazione del Building Information Modeling specificamente disegnata per adattarsi alle attività connesse alla conoscenza, restauro, trasformazione e gestione del patrimonio edilizio costruito e dell’edificato storico di cui è particolarmente ricco il nostro paese. In questo quadro, l’HBIM si propone sempre più sia come ambiente digitale standard per la gestione di tutte le fasi del processo edilizio (in ottemperanza a quanto previsto dall’art. 23 comma 13 del Decreto Legislativo 18 aprile 2016 n. 50 e del successivo Decreto Ministeriale 1 dicembre 2017, n. 560, che stabilisce le modalità e i tempi di progressiva introduzione dei metodi e degli strumenti elettronici di modellazione per l’edilizia e le infrastrutture) sia come impalcatura 3D per i vari oggetti digitali che costituiscono il modello HBIM. Il Master si propone quindi di agire su entrambi questi livelli fornendo agli allievi riferimenti sia di metodo che operativi che  consentano loro di agire alla scala urbana, territoriale e del singolo edificio primariamente in contesti soggetti a rischio (sismico, idrogeologico, etc.) o già colpiti da eventi distruttivi.

I PRINCIPALI ARGOMENTI OGGETTO DEL CORSO:

Percorso formativo in IX Moduli: Modulo I _Introduzione alle tematiche del Master e normativa HBIM e BIM; Modulo II_Rilievo con metodi strumentali (rilievo laser scanner 3D); Modulo III_Rilievo Fotogrammetrico con SAPR (Sistemi Aerei a Pilotaggio Remoto); Modulo IV_Pericolosità sismica locale e prevenzione dal punto di vista strutturale; Modulo V_Definizione del Quadro Conoscitivo (QC), territoriale, urbanistico e storico; Modulo VI_Modulo VI: Progettazione, restauro degli edifici e dei tessuti storici; Modulo VII_Procedura HBIM con uso di applicativi di modellazione parametrica (base); Modulo VIII_Procedura HBIM con uso di applicativi di modellazione parametrica (avanzata); Modulo IX_Procedura HBIM con uso di applicativi di computazione e di facility management.

OCCUPABILITÀ :

Formare architetti e ingegneri nell’utilizzo del HBIM in relazione ad attività connesse alla conoscenza, restauro, trasformazione e gestione del patrimonio edilizio costruito e dell’edificato storico specie nei territori colpiti da calamità naturali (terremoti e dissesti idrogeologici).

REQUISITI DI AMMISSIONE:

Laurea magistrale:

LM- 02 Archeologia

LM-03 - Architettura del paesaggio

LM-04 - Architettura e ingegneria edile-architettura

LM-10 - Conservazione dei beni architettonici e ambientali LM-11 - Conservazione e restauro dei beni culturali

LM-12 – Design

LM-20 - Ingegneria aerospaziale e astronautica LM-22 – Ingegneria Chimica

LM-23 - Ingegneria Civile

LM-24 - Ingegneria dei sistemi edilizi LM-25 – Ingegneria dell’Automazione LM-26 – Ingegneria della Sicurezza

LM-27 – Ingegneria delle Telecomunicazioni LM-28 – Ingegneria Elettrica

LM-29 – Ingegneria Elettronica

LM-30 – Ingegneria Energetica e Nucleare LM-31 – Ingegneria Gestionale

LM-32 – Ingegneria Informatica LM-33 – Ingegneria Meccanica LM-34 – Ingegneria Navale

LM-35 - Ingegneria per l'ambiente e il territorio

LM-48 - Pianificazione territoriale urbanistica e ambientale LM-49 – Progettazione e gestione dei sistemi turistici

LM-53 – Scienza e ingegneria dei materiali LM-54 – Scienze Chimiche

LM-60 – Scienze della natura

LM-73 – Scienze e tecnologie forestali e ambientali LM-74 – Scienze e tecnologie geologiche

LM-75 - Scienze e tecnologie per l'ambiente e il territorio

DISCENTI, NUMERO MINIMO ISCRITTI :

10

LABORATORI DEL DTC COINVOLTI:

Laboratorio di Studi Visuali e Digitali in Architettura

QUOTA DI ISCRIZIONE:

Euro 4.000,00

BORSE FINANZIATE DAL CENTRO DI ECCELLENZA:

3

DIRETTORE/RESPONSABILE:

Tommaso Empler

DOCENTI:

Carlo Bianchini, Andrea Bruschi, Tommaso Empler, Carlo Inglese, Alfonso Ippolito, Giuseppe Lanzo, Fabio Quici, Nicola Santopuoli, Luigi Sorrentino, Piero Cimbolli Spagnesi, Graziano Mario Valenti

SEDE DI SVOLGIMENTO DEL CORSO:

Piazza Borghese 9, 00186 Roma

FACOLTA':

Architettura

CONTATTI:

Tommaso Empler

EMAIL:

tommaso.empler@uniroma1.it

SITO WEB:

https://web.uniroma1.it/dsdra/archivionotizie/master-di-ii-livello-herit... modeling-hbim