Dall’oggetto reale al modello digitale parametrico: la Comunicazione in Virtual and Augmented Reality del Patrimonio Culturale

TIPOLOGIA DI CORSO:

CAF - Corso di Alta Formazione

LIVELLO DEL DIPLOMA:

CFU:

20

ANNO ACCADEMICO:

2020/2021

DATA INIZIO:

11/06/21

DATA FINE:

30/11/21

MODALITà DI EROGAZIONE:

mista

ORARIO DI SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITà DI FORMAZIONE:

venerdì e sabato intera giornata a settimane alterne e come meglio specificato nel calendario

DESCRIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO:

Il Corso di Alta Formazione si pone l’obiettivo di approfondire ed applicare i nuovi metodi di comunicazione del progetto, dalla fase di ideazione alla rappresentazione, fino allo sviluppo di applicativi che sfruttano il coinvolgimento del fruitore per veicolare contenuti di carattere informativo, al fine di valorizzare i Beni Culturali.
Obiettivo del Corso è quello di sviluppare competenze tecniche e capacità critiche e progettuali nell’ambito della comunicazione dei Beni Culturali arrivando a padroneggiare un workflow operativo che si compone di tre fasi: acquisizione ed elaborazione del dato, gestione e ottimizzazione del modello ottenuto e visualizzazione attraverso tecniche di Realtà Aumentata e Realtà Virtuale. Dopo una prima parte di introduzione teorica sulle strategie di comunicazione dei Beni Culturali e una panoramica sulle nuove tecnologie per la rappresentazione, il percorso di formazione proseguirà poi con un’esperienza diretta di acquisizione del dato architettonico mediante la tecnica della fotogrammetria: i partecipanti saranno guidati in una campagna di rilievo per l’acquisizione fotografica del Bene Culturale oggetto di studio, e nella successiva fase di elaborazione. Il risultato di questa operazione produrrà un modello digitale, composto di mesh e texture, che sarà oggetto delle successive fasi di lavorazione. I modelli digitali 3D ottenuti saranno da considerarsi come sistemi aggregativi di informazioni, oltre che interfaccia di navigazione, attraverso cui veicolare e divulgare con nuovi approcci il patrimonio culturale architettonico. In questa fase si dedicherà particolare attenzione alla tassonomia degli elementi che compongono i modelli tridimensionali affrontando problematiche e potenzialità legate alle metodologie di modellazione proposte,
diretta e indiretta, e alla gestione della topologia delle superfici ottenute. I modelli rispondendo anche a specifiche caratteristiche di qualità formale e geometrica sono in grado di supportare differenti dispositivi di output lavorando a differenti livelli di
rappresentazione.
Per finire poi con l’ultima parte del corso, nonché terza fase del workflow operativo,  che riguarderà la gestione dei modelli ottenuti in ambiente digitale dedicato alla visualizzazione real-time. La sperimentazione tratterà nello specifico due tecnologie per la visualizzazione, AR e VR e permetterà di approfondire le potenzialità e le differenze tra gli strumenti e il diverso approccio all’ottimizzazione dei modelli digitali 3D ottenuti tramite la fase di acquisizione e di creazione del modello.

OBIETTIVO DEL CORSO:

Lo studente acquisirà capacità critiche e progettuali nell’ambito della valorizzazione dei Beni Culturali acquisendo e sviluppando le competenze per gestire un intero processo: dalle fasi di pianificazione e ideazione del progetto comunicativo, proseguendo con quella di acquisizione mediante tecniche di fotogrammetria, per poi passare all’ottimizzazione del modello mediante logiche parametriche, fino ad arrivare all’ultima fase quella di comunicazione, gestendo il modello ottenuto in un ambiente di visualizzazione real-time sfruttando tecniche di realtà aumentata e realtà virtuale.
Il partecipante al termine del percorso formativo sarà in grado di produrre, con mezzi autonomi prodotti tecnologicamente innovativi dall’altro potere comunicativo.

I PRINCIPALI ARGOMENTI OGGETTO DEL CORSO:

Il percorso formativo proposto si pone l'obiettivo di cogliere l’innovatività presente nel mercato del lavoro e comprendere fino in fondo di che cosa abbiano bisogno le aziende, fornendo così competenze specifiche che possano essere messe immediatamente in atto, in continuità con le attività svolte durante il corso, in un rapporto di apprendistato. Questo permetterà di impiegare concretamente le competenze acquisite favorendone il consolidamento all’interno delle proprie capacità.

OCCUPABILITÀ:

Il Corso di Alta Formazione oltre alle lezioni teoriche alternerà attività laboratoriali intensive, articolate in più giornate e svolte in università o in azienda (sotto forma di visite aziendali), in risposta a specifici fabbisogni e favorendo l’apprendimento degli studenti, eventualmente suddivisi in gruppi.
Lo studente acquisirà capacità critiche e progettuali nell’ambito della valorizzazione dei Beni Culturali acquisendo e sviluppando le competenze digitali tecnologicamente innovative in grado di gestire, visualizzare e comunicare sistemi complessi utili alla divulgazione del patrimonio culturale.
Il complesso delle attività del Corso di Alta Formazione sono tutte costruite con diretto riferimento all’occupabilità, con un lavoro individuale formativo e sulla persona su uno specifico segmento del mercato del lavoro.

REQUISITI DI AMMISSIONE:

Per l’ammissione al Corso di Alta Formazione i candidati devono essere in possesso almeno di una Laurea di primo livello o titolo equipollente.
Pertanto possono presentare domanda di iscrizione i candidati con titolo equiparabile per livello conseguito all’estero.
Possono inoltre partecipare coloro che siano in possesso di Diploma Accademico di I livello triennale o equiparato, Diploma Accademico quadriennale o equiparato, Diploma biennale di II livello o equiparato rilasciati dalle Accademie di Belle Arti.
Possono altresì accedere al Corso di Alta Formazione i possessori di una Laurea conseguita in Italia in base al sistema previgente alla riforma universitaria del D.M. 509/99.

L’ammissione al Corso di Alta Formazione è regolato nel seguente modo:
- nel caso in cui il numero delle domande è inferiore al numero massimo di posti disponibili (25) la selezione consiste nella valutazione del titolo di studio posseduto, ovvero nel possesso dei requisiti di ammissione;
- nel caso in cui il numero delle domande è superiore al numero massimo di posti disponibili (25) la graduatoria di ammissione è redatta sulla base degli esiti della prova di selezione per titoli e colloquio, quest'ultimo finalizzato alla verifica delle conoscenze di base di modellazione in ambiente digitale;
- nel caso in cui il numero delle domande è inferiore al numero minimo di posti disponibili (10) il Corso di Alta Formazione non è attivato

DISCENTI, NUMERO MINIMO ISCRITTI :

10

ALTRE UNIVERSITÀ O ENTI DEL CENTRO DI ECCELLENZA DTC LAZIO COINVOLTE:

Università degli Studi Roma Tre

LABORATORI DEL DTC COINVOLTI:

LABORATORIO DI INNOVAZIONE PER IL RILEVAMENTO, LA RAPPRESENTAZIONE E L’ANALISI DELL’ARCHITETTURA - LIRALAB - responsabile Marta Salvatore
LABORATORIO DI DISEGNO DELL’ARCHITETTURA E DELL’AMBIENTE - responsabile Fabio Lanfranchi

QUOTA DI ISCRIZIONE:

La quota di iscrizione è pari a € 800,00. Questa può essere corrisposta in un’unica soluzione oppure in due soluzioni di cui la prima pari a € 500,00 e la seconda pari a € 300,00

BORSE FINANZIATE DAL CENTRO DI ECCELLENZA:

Il Corso di Alta Formazione è in attesa di risposta di eventuali borse di studio relative all'Invito al Centro di Eccellenza a presentare Progetti per la seconda fase – Progetti per il Capitale umano”. Eventuali borse saranno assegnate tramite bando e i risultati delle prove intermedie

DIRETTORE/RESPONSABILE:

Marco Fasolo

DOCENTI:

Proff. Marco Fasolo, Laura Farroni, Elena Ippoliti, Andrea Casale, Leonardo Baglioni, Marta Salvatore.

SEDE DI SVOLGIMENTO DEL CORSO:

Dipartimento di Storia, disegno e restauro dell’architettura, Piazza Borghese n. 9, Roma

FACOLTA':

Architettura

CONTATTI:

Segreteria DSDRA/Affari generali e didattica Tel. +39 0649918842

EMAIL:

comunicazionebc@uniroma1.it

SITO WEB:

https://www.uniroma1.it/it/offerta-formativa/corso-di-alta-formazione/20...

ALTRE INFORMAZIONI: